Intestazione IVSLA

Paolo Sarpi, Sopra l'Offcio dell'Inquisizione. A cura di Corrado Pin

47.00 €

Autore:
Nel capitolare steso su commissione del Senato nel 1613 per uniformare in tutto il Dominio la condotta dei rappresentanti pubblici presso i tribunali del Sant'Ufficio, Paolo Sarpi confermava, con rimandi alla legislazione governativa, la peculiarità tutta veneziana dell'«Ufficio dell'eresia [...]non dependente dalla corte romana». Ma la realtà si presentava ben diversa, e il consultore teologo in un serrato commento a quel 'capitolare' esortava la classe dirigente ad «aprir gli occhi» era stato un grave errore affidare al solo papato il «mantenimento della religione»; il Sant'Ufficio altro non era che il grimaldello della corte romana pere farsi «arbitra d'ogni governo», minando la sovranità delloStato e permettendo agli ecclesiastici di «farsi assoluti patroni dei libri». Dopo la morte di Sarpi, il consulto-trattato, fatto uscire clandestinamente dalla Cancelleria segreta, sia pur in una versione non definitiva, circolerà per l'Europa in numerose edizioni in più lingue, divenendo modello di riferimento storico e politico a quanti in seguito scriveranno 'contro l'Inquisizione?. La presente edizione riproduce per la prima volta il testo originale, contestualizzandone la travagliata genesi.

Condizioni: Nuovo
Da inserire:

  • Collana: Varie - Atti Convegni
  • Pagine: 383
  • Formato: 15,7x24 cm.
  • Anno di pubblicazione: 2018
  • Editore: IVSLA
  • ISBN: 9788895996813


Copyright © 2018 Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Campo S. Stefano, 2945 - 30124 VENEZIA
P.iva 02728810272 Powered by Zen Cart - Il tuo indirizzo IP è: 52.91.245.237